Nel 1890, lo scrittore russo Anton Čhecov intraprende un viaggio di oltre 11.000 km per giungere a Sachalin, colonia penale siberiana. L’esperienza del viaggio confluirà in un libro, “L’isola di Sachalin”, nel quale vengono denunciati i crimini del regime zarista.